23.09.2016

Zermatt Bergbahnen AG presenta un solido risultato d’esercizio.

Nell’anno d'esercizio 2015/16 Zermatt Bergbahnen AG ha conseguito un fatturato di 66,16 milioni di franchi e un utile di 1,9 milioni. Nonostante un lieve calo di fatturato l'azienda può esibire indicatori eccellenti e molto superiori al benchmark. Al solido risultato hanno contribuito fra l'altro le corse più frequenti e un aumento del ricavo nel settore delle escursioni.

In occasione della 15a assemblea generale svoltasi il 23 settembre 2016 sul Trockener Steg il presidente del CdA Hans Peter Julen ha presentato il risultato d’esercizio 2015/16,  il secondo miglior risultato degli scorsi sei anni sia per ricavo d’esercizio sia per cash flow. Nell’attuale difficile situazione congiunturale il ricavo è diminuito dell’1,4% a 66,16 milioni di franchi. L’EBITDA si è attestato a 30,5 milioni di franchi (- 5,7% rispetto all’anno precedente) e il cash flow a 26,5 milioni di franchi (- 5,9%). Il generale calo degli interessi ha tuttavia permesso di ridurre nuovamente gli oneri finanziari nonostante le elevate attività d’investimento. Grazie alla rigorosa gestione dei costi implementata negli scorsi anni, l’azienda è riuscita inoltre a mantenere l’EBITA al 46,1% (il benchmark è al 40%) e il margine di cash flow al 40,6% del ricavo d’esercizio (il benchmark è al 34%). 

I responsabili di Zermatt Bergbahnen sono particolarmente soddisfatti dello sviluppo positivo nel settore delle escursioni, che ha messo a segno un aumento del fatturato del 13,1%. Anche nel comprensorio sciistico estivo i primi ingressi hanno registrato un incremento del 2,2%. «Tenendo conto della situazione generale sul mercato europeo con numero di giornate di sci stagnante o addirittura in flessione, è indispensabile aumentare i ricavi delle attività estive per sostenere lo sviluppo dell’azienda», afferma il CEO Markus Hasler. 
Il calo del fatturato è imputabile a una contrazione del 4% circa del fatturato delle attività invernali, causata principalmente dai capricci del tempo, dal calendario sfavorevole per quanto riguarda ponti e festività e dalla situazione valutaria. 

Nonostante la persistente crisi valutaria e la prognosi incerta sull'andamento dell’economia europea, il consiglio d'amministrazione di Zermatt Bergbahnen si è espresso a favore di una politica di investimenti orientata al futuro, in grado di assicurare e ottimizzare il livello elevato della qualità dell’infrastruttura e degli eventi in montagna per gli ospiti. A questo proposito, nel 2016/17 sono in programma la sostituzione dell'impianto Gant-Blauherd e l’inizio della prima tappa dei lavori di costruzione dell’impianto 3S Trockener Steg – Matterhorn glacier paradise, destinato a essere il più alto del mondo.


Per maggiori informazioni si prega di rivolgersi a:


Markus Hasler
CEO Zermatt Bergbahnen AG
+41 (0)27 966 01 01
markus.hasler@zbag.ch